I commenti di Roberto Grasso, direttore generale e amministratore DAS