L’opinione di Luigi Di Falco, responsabile servizio Vita e Welfare ANIA