Massimo Nobili - Presidente Fincredit

pltv_1x1_nobili-4Massimo Nobili, presidente di Fincredit Confapi, associazione costituita tra gli organismi di credito e finanza collegati alle API (Associazioni piccole e medie imprese) oltre vent’anni fa, afferma che stanno ancora valutando e approfondendo i vari aspetti della nuova Circolare 288 che potranno cambiare il modo di lavorare dei Confidi.

“Sicuramente è stata una normativa attesa, in un settore come quello dei Confidi che da tempo ha bisogno di innovazione e di cambiamento. Credo che a non tutti forse questa normativa non piacerà, ma sono sicuro che porterà ad una vera razionalizzazione di questo mercato, e purtroppo amplierà la forbice fra i grandi confidi e quelli più piccoli che è probabile che faranno più fatica ad adeguarsi e quindi ad iscriversi al nuovo TUB anche se ad oggi vigilati da Banca d’Italia”. Alcuni dei confidi più grandi, sostiene sempre Nobili, hanno già cambiato alcuni aspetti dello statuto per essere pronti al nuovo modo di operare.

Fra i cambiamenti previsti dalla nuova normativa c’è anche il diverso ruolo del Presidente del Confidi che non avrà più un ruolo esecutivo, ma solo di controllo, con una conseguente diversa impostazione del consiglio di amministrazione.