L’opinione di Massimo Nobili, presidente Fincredit