Federconfidi si prepara al suo appuntamento annuale. Domani a Firenze si parlerà di “Il Sistema dei Confidi fra Evoluzione e Continuità”

Il presidente Pietro Mulatero annuncia in anteprima a PLTV l’obiettivo della giornata di domani.

Nel nostro DNA di confidi è scritto il supporto alle imprese ed oggi vogliamo riaffermarlo come un manifesto programmatico. Abbiamo voluto la parola “CONTINUITA’” nello slogan di questa Consulta, perché vogliamo rammentare alle Istituzioni, alle banche, agli altri nostri partner e ai noi stessi che intendiamo continuare a fare il lavoro di sempre, con il nostro bagaglio di conoscenze ed i nostri ferri del mestiere.

Una conferma, quindi, dell’attualità dei principi su cui si fonda l’attività dei Confidi, vale a dire la mutualità, il radicamento territoriale e la conoscenza diretta delle imprese, che ci hanno consentito di continuare a supportarle durante questi ultimi faticosi anni.

Per continuare a svolgere la nostra azione di sostegno alle imprese dobbiamo tuttavia evolvere, puntando sulla crescita professionale e sulla nostra capacità di capire le esigenze delle imprese. EVOLUZIONE è infatti l’altra parola che abbiamo voluto oggi sottolineare, perché crediamo che rappresenti oggi l’altra faccia della nostra mission.

Per dare modernità al nostro mestiere dobbiamo anzitutto iniziare a condividere maggiormente le nostre esperienze e favorire la diffusione delle nostre eccellenze, generando sinergie e superando logiche individualistiche.

In termini di modello di business oggi vogliamo e dobbiamo, come Confidi, attribuirci un ruolo che va al di là del garante del credito bancario; dobbiamo aprire la nostra operatività a nuova finanza, a nuovi soggetti, come pure a nuovi servizi. Se vogliamo aiutare le imprese ad uscire fuori dalla zona grigia dove oggi molte di esse sono relegate, dobbiamo indossare, al contempo, il vestito del garante e quello del consulente.

Una consulenza, quella che il Confidi può offrire, che deve poter spaziare in tutti gli ambiti di possibile crescita della impresa; deve stimolare la sua capacità di aprirsi a mercati diversi, deve saper valorizzare la partecipazione dell’impresa a reti o filiere, deve sostenere l’impresa nella ottimizzazione dei propri processi gestionali. Una assistenza che non è quindi soltanto finanziaria, ma sempre più strategica.

Un cambio di pelle, se vogliamo, che coinvolge, arricchendola, la natura stessa del Confidi.

PLTV è Media Partner dell’incontro annuale di Federconfidi

Riproduzione Riservata PLTV