Il 2017 per le piccole e medie imprese, ma anche per tutto il sistema economico e produttivo, si apre con molte novità̀ sia finanziarie che normative.
Per il mondo delle imprese, il legislatore ha portato dal 19% al 30% la detrazione fiscale per gli investimenti fino ad un milione di Euro nelle piccole e medie imprese innovative.

Una misura importante per aiutare le PMI, cuore pulsante del sistema produttivo nazionale, ad innovare i processi digitali ed incontrare i primi timidi segnali di ripresa del PIL nazionale.

Di impatto positivo sono anche la proroga della Legge Sabatini, che aiuta il sistema impresa nei rapporti con il credito bancario, e l’azzeramento sul capital gain maturato sugli investimenti a medio-lungo termine nei Piani individuali di risparmio, con il limite a Euro 30.000.
Altrettanto importanti, dal punto di vista finanziario, le norme sul finanziamento del Fondo di Garanzia per gli investimenti delle PMI, che dovrebbe attivare credito per circa Euro 25 miliardi, per aiutare la crescita di sistema.

La misura più attesa, però, è stata la proroga al 30 settembre 2018 del cosiddetto super ammortamento al 140% sugli investimenti aziendali in beni strumentali.

Di iper ammortamento, fino al 250%, si può̀ parlare per gli investimenti, nel 2017, nella trasformazione tecnologica e digitale delle imprese. Inoltre è previsto un credito di imposta per le spese incrementali su ricerca e sviluppo nel prossimo quadriennio, spese incentivate al 50%, fino ad un massimo di Euro 20 milioni per azienda.
Molto attese dal sistema produttivo le nuove norme che regoleranno l’attività̀ di recupero dei debiti.

La temuta società̀ pubblica della riscossione, Equitalia, sarà̀ fusa nell’Agenzia delle Entrate ed è prevista la rottamazione delle vecchie cartelle esattoriali, con la cancellazione delle sanzioni, l’aggio di riscossione e parte degli interessi di mora. E’ prevista anche la rateizzazione, in un periodo massimo di tre anni, delle cartelle. Cambierà̀ anche il modus operandi perché́ di fronte al mancato pagamento di una multa o di un’imposta non arriverà̀ più immediatamente una cartella esattoriale ma un semplice avviso.

Sul mondo aziendale impatteranno anche i provvedimenti sul sistema presidenziale, con un aumento della somma a disposizione per modificare le norme su requisiti di pensionamento dei lavoratori ed anche sul sistema di assistenza in caso di crisi aziendali.

Saranno agevolate anche le assunzioni di studenti dopo alternanza scuola-lavoro, con l’azzeramento dei contributi Inps.
Per il comparto dell’edilizia va segnalata la conferma del bonus per le ristrutturazioni ed il miglioramento dell’efficienza energetica degli immobili, con un credito di imposta decennale pari al 65% della spesa sostenuta, credito portato al 100% per tutti i Comuni interessati da eventi sismici.
Queste norme, insieme ad altre di interesse generale, dovrebbero permettere una crescita del PIL nel 2017 all’1%, e mantenere il rapporto Deficit-PIL al 2,4%.

Riproduzione Riservata PLTV – Fonte: estratto da Paper Economia Reale, gennaio 2017 di Artigiancassa