Veneto: un mercato in forte crescita nei finanziamenti sia retail che corporate, che offre soddisfazione agli operatori

CONDIVIDI

PLTV continua ad impegnarsi per fornire al mercato insights regionali sui progetti, sulle sfide e sulle perfomance di alcuni operatori del credito, in modo che possano essere utili spunti per tutti coloro che già lavorano nei territori analizzati o che pensano di investirci nel futuro.

Il Veneto è la sesta regione che PLTV ha approfondito grazie anche alla collaborazione di sei operatori del credito che hanno sede in questa regione e che hanno accettato di condividere i loro pensieri e le loro strategie nei finanziamenti retail e corporate con la community di PLTV.

Come è noto, il Veneto rappresenta una delle regioni trainanti dell’economia italiana, e sempre più attira gli operatori del credito, sia retail che corporate.

PLTV ha raccolto, per questo focus, la voce di alcune società che operano nei Mutui Retail (Credipass e Soluzione Credito), nei Finanziamenti Corporate (Credipass,, Finint Mediatore Creditizio, Cofidi Veneziano e Centro Servizi e Sviluppo) e nella Cessione del V (SignorPrestito), per far conoscere le strategie di crescita, le intenzioni di business, e il livello di competitività di questa regione tra gli operatori del credito.

Dall’ultimo bollettino di Banca d’Italia sulla regione Veneto emerge che…

Alla fine del 2015 vi è stata una moderata crescita dei mutui per l’acquisto delle abitazioni (0,5 %). Alla crescita dell’ammontare complessivo dei mutui casa ha contribuito il deciso aumento delle nuove erogazioni nel corso del 2015 (62,6% sull’anno precedente). Al netto delle surroghe e sostituzioni, che nel corso del 2015 hanno costituito il 16,8% dei nuovi mutui, l’aumento sarebbe stato del 40%.

I tassi di interesse sui mutui per l’acquisto della casa erogati nel quarto trimestre del 2015, in Veneto, sono calati di circa mezzo punto percentuale, rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente, sia per la componente a tasso fisso sia per quella a tasso variabile, attestandosi, rispettivamente, al 3,1% e al 2,2%.

Alcuni operatori nel Credito Retail dicono che…

Stefano GrassiStefano Grassi (nella foto), amministratore delegato Credipass, sottolinea l’importanza della regione per la sua società.

“Il Veneto é sempre stato una regione molto importante per Credipass; non a caso a Castelfranco Veneto abbiamo la nostra seconda sede.

 Negli ultimi anni abbiamo incrementato la forza vendite, arrivando a contare più di 25 persone (su 320 che ne conta in totale la rete, dunque il 7,8%), in aumento, che ci consentono di coprire le principali province come nel resto d’Italia.

Anche in Veneto registriamo tassi di crescita delle richieste di finanziamento importanti, tant’è che abbiamo il primo produttore della rete in provincia di Padova e almeno altri 2 colleghi veneti sono tra i primi 20 produttori della rete.

 Le Banche, anche locali, mostrano interesse e spingono per l’erogazione sia a famiglie che imprese. Abbiamo infatti stipulato anche accordi con due Bcc Venete per coprire meglio le esigenze della nostra clientela.”

mauro baldassinMauro Baldassin (nella foto), amministratore unico di Soluzione Credito, società fra le più “giovani”  e con sede a Treviso afferma a PLTV che…

“La nostra società nasce e ha sede legale in Veneto, attualmente oltre alla sede a Treviso, abbiamo ulteriori 3 uffici commerciali a Padova, Montecchio Maggiore (Vicenza) e Verona (in fase di allestimento). Il nostro core business è il mutuo casa, dove oggi vantiamo convenzioni con le principali banche quali Unicredit, INGBank, CheBanca!, BNL e  Friuladria.

Oltre ai mutui, i nostri collaboratori collocano prestiti personali Compass e Cessioni del V. Da ottobre 2015 abbiamo creato a Padova anche un back-office dedicato alle aziende e al caricamento del fondo pubblico di garanzia del Medio Credito Centrale.

Siamo convinti (e i numeri lo stanno confermando) che il mercato sia in forte crescita e le iniziative che la società ha studiato per supportare l’attività dei collaboratori ci porteranno a crescere fortemente, sia come numero di collaboratori, sia come volumi medi erogati.”

Cessione del V

Il contributo su questo settore arriva da SignorPrestito che è agenzia in attività finanziaria con sede a Verona, ma con presenza in tutta Italia (oltre 25 sedi)…

signor-prestito-logo“Il Mercato del prodotto Cessione del V in Veneto” – secondo Giordano Menon, amministratore delegato di SignorPrestito -” è straordinariamente attrattivo su tutti i comparti, pubblico, pensionati e privati. Questo stato di cose rende il Veneto una regione strategica per la nostra società, nella quale già operiamo con le filiali di Verona e Padova e dove concretizziamo, attraverso i nostri dipendenti, la maggiore produzione a livello regionale.

Per sostenere il nostro programma di sviluppo abbiamo già inserito, nel piano industriale triennale 2017/19, l’apertura di ben 4 Filiali a Vicenza, Mestre, Treviso e Belluno, con l’intento di un presidio totale del territorio”.

Confidi e Corporate

Il quadro che emerge dal bollettino dell’economia regionale sul Veneto, pubblicato da Banca d’Italia, mostra come i finanziamenti erogati dalle banche e dalle società finanziarie alle imprese, comprensivi delle sofferenze, siano diminuiti del 3,2% alla fine del 2015. La flessione dei prestiti nel ramo dei servizi è stata del 2,6%, meno marcata che negli altri settori produttivi, ma va sottolineato che oltre un terzo di questo calo è da attribuire ai servizi connessi alle attività immobiliari.

alessio casonatoAlessio Casonato (nella foto), presidente e amministratore delegato di Finint Mediatore Creditizio, società con sede a Conegliano Veneto, leader nel settore del Corporate in questa regione, spiega a PLTV che…

“Finint Mediatore Creditizio è nato in Veneto, e ciò ci consente di essere un osservatorio privilegiato sul territorio. Operiamo attraverso una struttura organizzativa in grado di supportare le diverse esigenze di finanziamento sia del mondo delle imprese che delle famiglie e privati.

I segnali che abbiamo sono positivi per il mondo corporate, dove registriamo una forte richiesta di investimenti in beni strumentali dedicati alle aziende produttive. Meno incoraggiante il dato per il  settore edile e il suo indotto, dove la situazione non gode di vivacità e la ripresa sembra ancora lontana.

Per il mondo retail, anche grazie al riallineamento dei prezzi, possiamo notare come il settore immobiliare sia particolarmente tonico e veda percentuali di crescita a doppia cifra, soprattutto nelle grandi città e capoluoghi di provincia. Da sottolineare ancora l’interesse per il leasing abitativo e per i prodotti di ristrutturazione finanziati come Finint Green Hub, il programma dedicato alla riqualificazione chiavi in mano del patrimonio immobiliare.”

Conosce bene la realtà del credito alle imprese, ad esempio Cofidi Veneziano…

maurizio-vignandelMauro Vignandel (nella foto), direttore generale di Cofidi Veneziano, (uno dei principali Confidi che operano in Veneto) non nasconde le difficoltà che la crisi economica ha provocato su questo territorio, e lancia un importante appello.

“Il primo semestre 2016 ha visto confermare, da parte nostra, l’ammontare delle garanzie rilasciate a favore delle PMI venete; ma dobbiamo comunque registrare delle problematiche che rendono difficile pensare ad una vicina soluzione della ormai annosa crisi economica.

Il Nord est sta vivendo situazioni di difficoltà che, oltre al difficile contesto economico nazionale, trovano ulteriore ragione di inasprimento da situazioni esclusive di questo territorio.

La debacle economica delle principali banche popolari venete, Popolare di Vicenza e Veneto Banca, hanno eroso circa Euro 11 mld, sottraendo importantissime risorse finanziarie e causando un ulteriore rallentamento degli investimenti in regione. Tra le altre cose è emerso in tutta la sua gravità come le garanzie portate da questi istituti di credito non fossero solide, e da qui la necessità di trovare adeguati strumenti di garanzia sostitutivi.

I Confidi Regionali, ed in particolare il Cofidi Veneziano, sono in prima fila nel supporto alle imprese venete in questo momento difficile; ma questo non è sufficiente. Risulta essenziale infatti sviluppare un gioco di squadra che veda protagonisti oltre ai Confidi, la regione Veneto, la finanziaria regionale e le associazioni di rappresentanza di impresa.

Voglio lanciare un appello per un’azione in tal senso il più rapida possibile: attendere i tempi della pubblica amministrazione, infatti, significherebbe il dover assistere alla chiusura di numerose imprese senza poter far nulla.”

Credipass che è attiva in Veneto anche nel corporate…ritiene che: “per quanto riguarda i servizi di finanziamento alle attività produttive, siamo partiti da gennaio scorso con il progetto imprese, che dal Veneto è stato poi esteso a tutto il resto d’Italia.

Su questo fronte le collaborazioni con Banche e Confidi ci consentono di soddisfare le esigenze degli imprenditori locali che stanno mostrando un certo dinamismo crescente.”

 

Sandro-Borselli“Nelle nostre previsioni la domanda in Veneto si dovrebbe essere ulteriormente espansa nel primo semestre dell’anno in corso” – così sostiene Sandro Borselli (nella foto), responsabile commerciale Centro Servizi e Sviluppo (CSS)“Dall’inizio della crisi a tutt’oggi, la quota delle garanzie personali riconducibile ai Confidi e al Fondo Centrale di Garanzia per le piccole e medie imprese è progressivamente salita, superando oggi l’8%, dal 3,9% del 2007“.

Riproduzione Riservata PLTV

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here